top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreMonica Doria

Bando Parità di genere. Finanziamento a fondo perduto per la certificazione della parità di genere.

OBIETTIVO: sostenere le micro, piccole e medie imprese lombarde nel percorso orientato al conseguimento della certificazione della parità di genere tramite l’erogazione di contributi per servizi di consulenza specialistica finalizzata all’impostazione di un sistema di gestione per la parità di genere e a copertura dei costi sostenuti dalle imprese per ottenere la certificazione.


Soggetti beneficiari


Possono partecipare al presente bando i soggetti che esercitano attività economica e che, al momento della presentazione della domanda, posseggono i seguenti requisiti:


• essere una micro, piccola e media impresa;

• essere regolarmente iscritti e attivi nel Registro delle imprese (come risultante da visura camerale) o essere titolari di partita IVA attiva al momento della presentazione della domanda di finanziamento;

• avere in pianta organica almeno un (1) dipendente alla data di presentazione della domanda di finanziamento;

• avere una sede operativa attiva in Regione Lombardia o, se solo titolare di Partita IVA, avere domicilio fiscale in Lombardia;

• essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori, come attestato dal DURC on line;

• essere in regola con la normativa sugli aiuti di Stato in regime di “de minimis”;

• essere in regola con le assunzioni previste dalla Legge n. 68 del 12/03/99 “Norme per il diritto al lavoro dei disabili” e ss



ii. in materia di collocamento mirato ai disabili;

• essere in regola con la trasmissione del Rapporto sulla situazione del personale;

• non rientrare nei campi di esclusione indicati nel bando;

• non essere in stato di fallimento, di procedura concorsuale, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente.



Tipologia di interventi ammissibili


Ai soggetti beneficiari del contributo, in possesso dei requisiti elencati sopra, sono messi a disposizione due voucher, a fondo perduto, per:

 

1. Servizi consulenziali di accompagnamento alla certificazione (Linea di finanziamento A).

La Linea di finanziamento A prevede un contributo per l’acquisto di servizi di consulenza specialistici a supporto delle imprese che intendano avviare le attività propedeutiche all’ottenimento della certificazione della parità di genere come meglio di seguito specificate:

 

• Analisi organizzativa e dei processi interni aziendali per identificare lo stato iniziale dell’organizzazione con riferimento alla parità di genere;

• Individuazione dei gap esistenti tra lo stato esistente e i requisiti richiesti per l’ottenimento della certificazione della parità di genere (misurati tramite appositi indicatori chiave di performance);

• Supporto per la stesura del Piano strategico di azione per l’attuazione di una politica aziendale che promuova e garantisca la parità di genere, finalizzato alla mitigazione e alla rimozione dei gap rilevati;

• Supporto all’impostazione di un modello di implementazione delle azioni pianificate e di monitoraggio e di misurazione dello stato di avanzamento dei risultati;

• Accompagnamento all’individuazione di sistemi interni e competenze specifiche per la gestione della strategia di parità di genere, anche con riferimento alla rivalutazione dell’azienda e all’eventuale rinnovo della certificazione previsti ogni due anni.

 

2. Servizio di certificazione della parità di genere (Linea di finanziamento B).

La Linea di finanziamento B prevede l’erogazione di un contributo per le spese di certificazione sostenute dalle imprese.

Per richiedere il rilascio della certificazione della parità di genere, le imprese devono rivolgersi esclusivamente agli organismi di valutazione della conformità accreditati in questo ambito. 

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Bolle liquide
bottom of page